Home

DISOCCUPATI

Niente. Niente di niente. Pensavo che di fronte agli ultimi dati Istat, che ci spiattellano sotto il naso un 40,4 per cento di disoccupati under 24, qualcuno battesse un colpo.  Non so se mi spiego: tra i 15 e i 24 anni oggi neanche 2 giovani su 10 possono vantare il ‘privilegio’ di avere un lavoro. Cosa? Ci sono di mezzo anche gli studenti? Allora proviamo ad allargare le vedute: i disoccupati in Italia sono 3 milioni 194 mila. Toc, toc, c’è qualcuno? Siamo stanchi o poco coscienti?

Antonella propone di consolarsi con Dudù. Io dico che ci siamo già ubriacati abbastanza di amenità varie: Ruby, donnine, problemini giudiziari del nostro ex premier Silvio, calciomercato. E pure cagnolini. Ne abbiamo pure visto uno in braccio a Monti (una delle scene più tristi della politica del dopoguerra, povero cane). Magari indignarsi ogni tanto farebbe bene.

Forse stiamo ancora troppo bene per scendere in piazza. O forse abbiamo perso del tutto la speranza. Comunque sia mangiamoci una bella pizza, magari con accompagnamento di mandolino. Qualcosa succederà

Filippo Manvuller

Annunci

4 thoughts on “Senza lavoro, c’è qualcuno?

  1. Sì vero. Lo stato deve intervenire e deve farlo pesantemente. A mio avviso, in un momento in cui l’economia è inesistente, gli imprenditori chiudono bottega, a fianco delle tutele per i lavoratori è necessario incoraggiare e sostenere concretamente la creazione di imprese giovanili innovative, perchè è il sitema imprenditoriale che in questo Paese non regge. Imprese troppo tradizionali, che non reggono la concorrenza straniera su prodotti standard, imprese familiari che non investono in innovazione perchè non riescono ad abbandonare sistemi vecchi di business e non sanno nemmeno spiegarsi perchè oggi non funzionano più. Facciamo un gran parlare di “qualità italiana”, mentendoci: non abbiamo più che poche eccellenze che in qualità di eccezioni non possono tenere in piedi un sistema.
    Se non lo fanno i giovani, se non saranno loro, sostenuti dallo stato, a sostituire l’attuale classe imprenditoriale, se continuiamo a mettere soldi su in sistema di imprese decotto, non c’è alcuna speranza.

  2. ma no, è che non meritiamo nemmeno gli ammortizzatori sociali… c’aveva ragione la Fornero, Filippo: se ci dessero due soldi ci metteremmo al sole a mangiare spaghetti al pomodoro… hai ragione, stiamo ancora troppo bene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...