Home

mauro zani

Continuo a non capire.
Si fa per dire.
Dopo tutti salassi sociali imposti dalle politiche di austerità in omaggio all’algoritmo teutonico di Maastricht , i famigerati numeretti del 3% e del 60%, la situazione economica peggiora.

In Italia la disoccupazione raggiunge il suo record storico dal 1970 del secolo scorso e ben il 15,8% della popolazione versa in condizioni di povertà relativa e la metà di questa in condizioni di povertà assoluta, il debito pubblico intanto raggiunge e supera la soglia psicologica (?) del 130% sul PIL.

A dimostrazione che la ricetta dell’austerità è semplicemente folle anche nella media dell’eurozona il rapporto tra debito e Pil passa dal 90,6% della fine del 2012 al 92,2% del primo trimestre del 2013 (dati Eurostat).
La pressione fiscale in Italia si mantiene a livelli semplicemente intollerabili , per chi le tasse le paga o è comunque obbligato a pagarle in automatico, alla fonte.

View original post 635 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...