Home

Femminicidio, sost. m.

La parola che voglio raccontare oggi è un neologismo, una parola nuova che racconta un problema molto antico.

Per definire questa parola voglio partire da due episodi accaduti alcuni mesi in Sudafrica, due femminicidi molto diversi l’uno dall’altro.

Credo ricorderete l’uccisione di Reeva Steenkamp. Si parlò molto allora della tragica morte di questa giovane modella sudafricana, soprattutto perché venne uccisa da una persona famosa, un “eroe” dello sport, un uomo che era riuscito a vincere molte sfide e che, per buone e motivate ragioni, fino a quel tragico episodio, poteva essere considerato un modello per i giovani di tutto il mondo. Se il fidanzato di Reeva fosse stato uno sconosciuto, lei sarebbe stata soltanto una delle oltre 15.000 donne uccise in un anno in Sudafrica. Una delle più note, una delle più belle, e questo avrebbe comunque garantito alla notizia una qualche prima pagina, quanto meno per soddisfare la morbosità del pubblico – maschile – dei tabloid.

AV_00030245

Invece la morte di Reeva è capitata il giorno di san Valentino e per di più nella giornata scelta da milioni di donne di tutto il mondo per manifestare, ballando, la voglia di essere libere dalla paura della violenza degli uomini, quasi sempre dei loro compagni. Questa coincidenza provocò un primo moto di sdegno, durato però soltanto poche ore. Nei giorni successivi Reeva è progressivamente ridiventata un personaggio secondario di quella terribile vicenda, mentre Pistorius ne è rimasto il solo protagonista.

Inoltre con il passare dei giorni si sono cominciate a far strada nell’opinione pubblica alcune tesi che in qualche modo rendevano meno difficile la posizione del fidanzato omicida. E’ stato scritto che forse Pistorius avrebbe compiuto quel gesto insensato sotto l’effetto di steroidi: quindi non sarebbe stato del tutto lucido.

Questa non mi pare un’attenuante; semmai un’aggravante.
Oscar Pistorius era un campione sportivo, per uno come lui l’uso sregolato di steroidi è ancora più grave che per qualsiasi altro. La seconda attenuante emersa in quei giorni era ancora più subdola: Pistorius avrebbe agito spinto dalla gelosia, perché Reeva si sarebbe innamorata di un altro concorrente del reality a cui stava partecipando prima di morire. In questo argomento c’è sotto traccia un messaggio che sposta la colpa dal maschio alla donna: Reeva ha pagato la colpa di essere una donna bellissima, una donna che in fondo tutti gli uomini del Sudafrica – e non solo – hanno visto in lingerie nelle pubblicità. Era una donna della moda, dello spettacolo e quindi per un comune pregiudizio una donna “facile”. La bellezza, che è stata un’innegabile fortuna per quella ragazza finché è stata viva, è diventata una colpa, dopo la sua morte.

Per la cronaca, il processo contro Oscar Pistorius inizierà il 3 marzo 2014.

Alcuni giorni prima, il 2 febbraio, era morta vicino a Città del Capo, una ragazza nera di solo 17 anni, Anene Booysen, stuprata e uccisa da una banda di cui faceva parte anche il suo ex-fidanzato.

Anene_Booysen

Per la cronaca, alla fine del mese di ottobre, dei tre imputati – ma la ragazza prima di morire aveva denunciato sei uominisolo uno è stato condannato.

In un anno, come ho detto, in Sudafrica sono state uccise 15.000 donne e ne sono state violentate quasi 65.000. Negli ultimi vent’anni il tasso di omicidi “normali” è sceso in Sudafrica del 50%, ma quello degli stupri e delle violenza sessuali è rimasto invariato. Non è cambiata la situazione con la fine dell’apartheid: che siano bianchi o neri, i maschi abusano delle loro donne.

Le cause sono molte: una cultura in cui vige la legge del più forte, profonde disuguaglianze economiche che fanno sentire gli uomini più deboli, disparità di rapporti tra i sessi, lacune nell’educazione dei figli maschi e un alto tasso di disoccupazione maschile. In sostanza della crisi corrono il rischio di pagare il prezzo più alto le donne. Qualcosa che dovrebbe insegnare anche a noi che la crisi la stiamo vivendo, nonostante sia annunciata la sempre prossima ripresa.

Anene e Reeva erano due donne molto diverse, una nera e una bianca, una povera e una ricca – di una c’è soltanto la foto del documento d’identità, mentre dell’altra ci sono centinaia di foto – eppure le loro storie sono diventate drammaticamente simili; e simili a quelle di ancora troppe donne.
Per colpa di noi maschi.

Annunci

One thought on “Verba volant / Femminicidio

  1. Il femminicidio nasce dall’idea che la donna sia un oggetto e come oggetto se ne possa fare ciò che si vuole. E’ per questo che riaprire le “case chiuse” servirà a riacutizzare quest’idea che il maschio ha della donna. Combattere la prostituzione, invece, servirà ad eliminare il confine tra le donne “perbene” e quelle che, secondo un’idea molto diffusa, non lo sono. La donna è solo una: quella che ha il diritto di difendere la sua dignità. Non ce ne sono altre,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...