Home

Strenna, sost. f.

Partiamo dall’etimologia, che in questo caso è particolarmente interessante.

I Romani chiamavano strena il regalo di buon augurio che i clientes portavano al loro patronus – e in seguito i cittadini all’imperatore – in occasione delle solennità, specialmente nelle calende di gennaio. La parola è molto antica, di origine sabina. Si racconta che il primo dell’anno i Sabini regalarono al loro re Tazio alcuni ramoscelli recisi nel bosco sacro dedicato a Strenua, dea della forza – da cui l’aggettivo strenuo e l’avverbio strenuamente. Il regalo gli fu così gradito che lo volle ad ogni inizio d’anno; e quindi la tradizione passò a Roma, quando Tazio divenne re della città insieme a Romolo, dopo il ratto delle Sabine.

lupa capitolina

Strenna è quindi il regalo di fine anno, di buon augurio. L’agenda, ogni anno sempre più sottile, che ci regala la banca e il calendario di cui ci fa omaggio il macellaio rientrano a pieno titolo in questa categoria. Banche e macellai ci augurano lunga vita e prospera fortuna, affinché possiamo continuare a essere loro clienti.

Con il passare dei secoli, non si è perso neppure l’uso di fare un regalo al proprio patronus.

Poco più di un anno fa è balzato agli onori delle cronache un tal Franco Fiorito, pingue discendente di quei Sabini che contribuirono a fondare l’Urbe.

re magi

Immaginate il via vai di clientes che nelle passate festività – prima che il nostro eroe cadesse in disgrazia – si sono recati nella sua bella casa di Anagni, recando strenne di ogni genere. In prima fila c’erano i suoi fornitori di generi alimentari: un cliente del genere, con un tale appetito, facevano bene a tenerselo caro e sperare che potesse continuare ad avere uno stipendio adeguato alla sua atavica fame. Poi c’erano quelli che, grazie a lui, erano stati assunti in qualche azienda pubblica e quelli che da lui erano stati raccomandati per qualche prebenda. Seguivano quelli che lui aveva aiutato, nella sua magnanimità, a trovare un posto all’ospedale o a cui ha reso meno lunga l’attesa per una tac. E poi c’erano quelli a cui ha permesso di costruire, saltando complicate pastoie burocratiche, dei condomini ad Anagni e anche quelli che in quelle case sono andati ad abitare. E naturalmente c’erano quegli imprenditori che hanno potuto costruire i loro nuovi capannoni in aree vincolate, senza sottostare ai pareri delle varie autorità di controllo, e gli operai che lavoravano in quelle fabbriche. Se poi aggiungiamo tutti i familiari avrete chiaro il movimento di clientes, che probabilmente in queste festività hanno già portato la loro strenna ad un nuovo patronus.

Certe tradizioni, come vedete, sono dure a morire.

A proposito, auguri…

Annunci

One thought on “Verba volant / Strenna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...