Home

Integrazione, sost. f.

Per questa definizione non parto, come al solito, dall’etimologia, ma da un episodio successo a Modena pochi giorni fa. In quella città, come in molte altre, il Pd ha organizzato le primarie per scegliere il proprio candidato sindaco. Fin qui nulla di particolarmente interessante: lo scontro tra un ex-bersaniano e una renziana, una delle consuete prove di forza – o dovrei dire di debolezza – di quell’infelice partito. I votanti sono stati 12.600, circa la metà rispetto ai 21.000 che avevano partecipato alle primarie per scegliere il segretario nazionale. Francamente pensavo sarebbero stati anche di meno, ma evidentemente la lotta tra le due fazioni è riuscita a mobilitare un po’ di persone, più o meno “cammellate” dagli esponenti locali del partito.

Alle primarie del Pd possono partecipare anche i cittadini stranieri e qui è sorto un problema: i votanti stranieri sono stati circa 1.400 contro i 366 che avevano partecipato l’altra volta. Questa crescita in controtendenza ha destato un qualche sospetto, anche perché pare che qualcuno di questi nuovi cittadini, folgorati dalla foga primarista del Pd, abbia ricevuto un qualche “incentivo” per partecipare al voto. Purtroppo qualcosa di analogo, anche se in proporzioni meno appariscenti e soprattutto meno determinanti per l’esito finale, è successo anche in altre realtà del nostro paese; in alcune regioni italiane è tutto il sistema delle primarie a essere condizionato da brogli e imbrogli, ma non è questo il punto.


Non mi interessa tanto l’episodio in sé: il mio giudizio su quel partito è già così negativo che non può peggiorare neppure se queste gravi accuse si rivelassero fondate. Non so se una parte di quegli elettori siano stati effettivamente comprati, ma evidentemente c’è qualcosa che non va se sul 10% dell’elettorato ci sono sospetti di questo genere. Mi interessa ragionare invece sull’idea di integrazione: ho l’impressione che in questa vicenda abbiamo sì integrato i cittadini stranieri, ma nei nostri vizi, nelle nostre pratiche peggiori, abbiamo insegnato a loro che le cose in Italia vanno così: è meglio che lo capiscano in fretta e che si adattino all’andazzo generale. In sostanza non la citerei come una buona pratica di integrazione.

L’integrazione è propriamente l’azione di rendere intero, pieno, perfetto in senso etimologico, ciò che è incompleto o insufficiente a un determinato scopo. Sempre più spesso nel linguaggio corrente – anche per l’influenza dell’inglese integration – indica l’incorporazione, l’assimilazione di un individuo o di una categoria o di un gruppo etnico in un ambiente sociale, in un’organizzazione, in una comunità etnica, in una società già costituite.

In Italia, per qualche mese, abbiamo perfino avuto un ministro dell’integrazione, i cui risultati sono stati – com’era prevedibile – inconsistenti. Per altro il ministro Kyenge è stata nominata solo per appuntare una medaglia al petto del II governo Napolitano, un ministro utile per le foto di rito del Quirinale. Se non fosse stato per la canea rozza e volgare della Lega ci saremmo presto dimenticati di lei.

mondo

Probabilmente uno dei problemi dell’integrazione sta proprio nella definizione di questo termine. E’ bene che gli stranieri si assimilino ai nostri usi e costumi, che sono quello che sono? E’ bene che, insieme alla nostra lingua – che peraltro gli italiani parlano sempre peggio – imparino a essere “italiani”? Ho qualche dubbio. Oppure noi abbiamo bisogno di loro per raggiungere l’intero, il pieno? E a cosa servono? A riempire le nostre case malandate, che noi affittiamo a loro, regolarmente in nero? O ci servono per garantire una quota sempre maggiore di lavoratori ricattabili, sfruttati e sfruttabili? Oppure ci servono delle nuove prostitute, perché ci siamo stancati di quelle di casa nostra?

Non voglio girare troppo intorno all’argomento e quindi faccio un esempio di quelli che divide, su cui le contrapposizioni sono più nette: l’integrazione dei rom. Sul tema si fronteggiano, quasi con la stessa enfasi, due minoranze. Da una parte ci sono i “cattivi“, quelli che dicono che i rom non lavorano perché non vogliono lavorare e preferiscono rubare, che è inutile spendere risorse per loro visto che non sono recuperabili, che le case andrebbero date agli italiani e così via. Dall’altra parte ci sono i “buoni“, quelli che, con la stessa incrollabile sicurezza dei primi, trovano una giustificazione per qualunque cosa facciano i rom, che imputano alla nostra società le loro difficoltà a trovare un lavoro, a inserirsi, che pensano che di fronte all’integrazione debba essere sacrificato ogni altro principio. Né con gli uni né con gli altri si può risolvere il problema. In mezzo a questi due poli opposti c’è la maggioranza delle persone, quelli che guardano ai rom con sospetto e paura, che dicono che il problema è troppo complesso e che in fondo ci sono problemi ben più gravi. Questi sono la maggioranza – siamo la maggioranza – e quindi inesorabilmente il tema si elude, si tralascia. Tanto c’è sempre altro di cui parlare.

Io credo che bisognerebbe cominciare a trattare questa questione non in maniera manichea, ma partendo dal complesso rapporto che esiste nelle nostre società – per brevità le definisco europee, anche se ci sono profonde differenze le une dalle altre – tra la maggioranza e le diverse minoranze, spesso anche numericamente consistenti, con culture, stili di vita, religioni differenti.

Questa presenza di culture diverse è un dato di fatto della nostra società: è una convivenza complessa, delicata, pericolosa a volte, ma è ineliminabile. A dire la verità questa convivenza c’è sempre stata, fin dall’antichità: Alessandria, Gerusalemme, Atene e Roma erano città multiculturali, ben prima che qualcuno inventasse questa parola. Di fronte alle domande che ci pone questa complessità l’integrazione è la risposta sbagliata: che vantaggio potremmo mai trarre dalla costruzione di un’unica società globalizzata, senza identità? Nessuno, né chi si dovrebbe integrare né chi finirebbe per subire l’integrazione. La risposta giusta è confronto, nel quale ciascuno non deve avere paura di comunicare i propri valori , di cui deve essere fiero – senza fondamentalismi, naturalmente – e soprattutto non deve avere paura di perdere la propria identità. Confronto ed educazione viaggiano all’unisono, perché solo l’educazione e la conoscenza profonda della propria cultura, ci permettono di confrontarci con quelle degli altri.

Annunci

3 thoughts on “Verba volant / Integrazione

  1. Pingback: Verba volant / Moschea | Lpb LaboratorioPoliticaBologna

  2. Pingback: Verba volant / Integrazione | lasimoblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...