Home

Pecora, sost. f.

Non sum dignus. Non ho il diritto di giudicare le scelte di un papa, specialmente quando decide di incontrare una pecora che si è allontanata dal gregge.

Immagino che un papa abbia tutto il diritto – anzi abbia il dovere – di incontrare chi ha peccato. E di perdonarlo, se lo ritenga pentito. Se non si capisce questo si rischia di fare una figura meschina, come capita a don Abbondio quando, seppur in silenzio, critica il cardinal Federigo Borromeo per la sua familiarità con l’Innominato. Se papa Bergoglio ha deciso di incontrare in pubblico e di abbracciare in maniera così plateale Diego Armando Maradona, che qualche peccato l’ha pure commesso – per sua stessa ammissione – un cristiano può pensare a un disegno della Provvidenza.

papa-francesco-maradona

Ma siccome io sono un vecchio ateo e alla provvidenza non credo, penso che papa Francesco questa volta abbia commesso non tanto un peccato – deciderà il suo confessore se veniale o mortale – ma quantomeno un errore di comunicazione. Cosa insolita per un pontefice che padroneggia con maestria questi strumenti.

Nelle scritture si trova la parabola della pecora smarrita. Non citerò le versioni più conosciute, quelle dei vangeli di Luca e di Matteo, ma quella del vangelo di Tommaso, l’apostolo dubbioso.

Il regno è come un pastore che aveva cento pecore. Una di loro, la più grande, si smarrì. Lui lasciò le altre novantanove e la cercò fino a trovarla. Dopo aver faticato tanto le disse: “Mi sei più cara tu di tutte le altre novantanove”.

L’abbraccio di Bergoglio, la sua emozione sincera, il suo entusiasmo nel trovarsi davanti la Mano de Dios, sono sembrati non tanto quelli del pastore quanto quelli del tifoso argentino di fronte al campione indimenticato e indimenticabile. Ovviamente l’emozione e l’entusiasmo sono legittimi, sappiamo che Bergoglio ama il calcio e non nasconde di essere un tifoso; anzi questa è una di quelle cose che l’ha fatto amare, che lo rende più simile a noi.

Forse in questo caso avrebbe dovuto mandare un altro messaggio; proprio in nome di quello sport che tanto ama. Maradona è stato certamente il campione più grande della sua generazione e uno dei più grandi di tutti i tempi, ma fuori dal campo è un uomo che ha commesso molti errori, e quel che è peggio ha usato la sua fama, l’amore dei tifosi e la stima di tutti gli appassionati di calcio per giustificare questi suoi errori. Al di là del perdono, che è qualcosa di personale e che attiene ad una sfera che non ci riguarda, credo che il papa avrebbe dovuto dire al campione argentino: non tutto ti è concesso, soltanto perché sei Maradona, anzi proprio il fatto che sei Maradona ti obbliga a una certa condotta, perché inevitabilmente tu sei un esempio per gli altri.

E comunque non possiamo certo criticare il papa noi terzomondisti che abbiamo perdonato a Maradona quel famoso gol di mano nella partita dei mondiali dell’86 contro l’Inghilterra, perché quella rete, seppur platealmente fraudolenta, era anche contro Mrs Thatcher e vendicava la sconfitta argentina nella guerra delle Falkland.

E il suo secondo gol fu così bello da far dimenticare quella scorrettezza. Gli dei del calcio hanno già perdonato Maradona che però non ha imparato la lezione; un papa argentino dovrebbe ricordaglelo.

Annunci

One thought on “Verba volant / Pecora

  1. Dunque.
    Risponderò a questo post, cercando di dimenticare di essere tifoso del Napoli, e fan sfegatato di Maradona.
    E cercando pure di dimenticare che Francesco, contrariamente ai suoi predecessori, mi sta pure un pò simpatico, nonostante io i preti li vedrei volentieri in miniera.

    Maradona.
    Cosa ha dunque compiuto quest’uomo di così disdicevole e tremendo da essere additato come il cattivo esempio al mondo?
    Ha tirato di cocaina ?

    Certo, come un trenta per cento della popolazione italiana, a star cauti.
    Ha scopato a destra e sinistra, rendendosi traditore e fedifrago?
    Qui le percentuali si alzano a dismisura.
    Ha mandato in culo giornalisti, pezzi grossi della federazione, e presidenti del consiglio?
    Beh, su questo gli darei almeno una croce di merito.

    Sento ripetere da anni che poteva essere e non è stato un esempio per i giovani.
    E che uno è obbligato?

    Maradona non ha mai, dico mai, avuto screzi con altri calciatori.
    Ha sempre, a detta dei compagni di squadra tenuto un atteggiamento umile e collaborativo rispetto agli altri :andate a vedere quanti lo odiano.
    Ultimamente ho sentito critiche di stampo machista per la sua posizione su Icardi, colpevole, tra virgolette, di aver rubato la moglie a un altro argentino.
    Ma ognuno vede quello che vuole, e non credo che sia il rubare la donna, se possiamo usare questo termine da età della pietra, che abbia provocato la sua rabbia, ma il tradimento della fiducia del compagno.

    Ora, ha evaso le tasse? Probabilmente si, anche se mi pare strano che gli si chieda indietro una cifra che ricalcolata ai tempi d’oggi equivalga al debito di una nazione estera.

    Ma, soprattutto.
    Perchè dopo trenta anni si continua a dire male di lui ?

    Ma forse, si, sono troppo tifoso di un piccolo uomo che dalla polvere della strada dove mangiava pane e pane, ha regalato le stelle a milioni di persone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...